venerdì 13 gennaio 2017

Recensione di "Pollyanna cresce" - Eleanor H. Porter

Book Challenge iRead 2017: 2/40 – Il libro che leggeresti con tuo figlio
InkBooks Reading Challenge 2017: 2/50 – Un libro pagato meno di 3 euro

Pur non avendo letto Pollyanna conoscevo la storia grazie al film Disney con la mitica Hayley Mills e, complici alcune recensioni di aNobii, ero curiosa di conoscere l'evoluzione del personaggio nell'età adulta. Com'è cresciuta la ragazzina conosciuta da tutti per il suo “gioco della felicità”? Avrà perso la capacità di trovare sempre del buono in quello che la circonda?
Il passaggio nell'età adulta non è così semplice e, in un momento di sconforto della protagonista è proprio un personaggio del libro precedente, la Signora Snow, a ricordarle quello che ha fatto per lei: “Guarda me! Non mi hai conosciuto come un essere che si lamentava in continuazione, insopportabile, sempre irrequieta e scontenta di tutto? Che mai, neanche per sbaglio, era felice di quello che aveva, perché desiderava immancabilmente quello che non aveva? Sei stata tu ad aprirmi gli occhi, quando mi hai portato tre cibi diversi, così da essere costretta ad avere, per una volta, proprio quello che desideravo!”.
Chi non conosce qualcuno così? L'amica brontolona, la zia acida, l'amico di famiglia catastrofista che ogni telegiornale è un'occasione per prendersela con il mondo intero. Ma Pollyanna riesce a sciogliere le resistenze di tutti, con mille idee e una infaticabile voglia di vivere.
Ecco perché questo è un libro che mi piacerebbe leggere insieme a mio figlio, per insegnargli ad avere speranza nella vita, a non lasciarsi mai abbattere, a saper trovare il lato positivo nelle cose anche quando non sono come vorremmo.
Adesso non mi rimane che riscoprire il primo volume!
Unica pecca: gli ultimi capitoli sembrano delle puntate di Beautiful, una serie di fraintendimenti su “chi-ama-chi” accompagnano il lettore prima di arrivare all'intuibile lieto fine.


I gruppi facebook dove iscriversi per partecipare alle sfide: Inkbooks Reading Challenge 2017 - Book Challenge iRead 2017




lunedì 9 gennaio 2017

Recensione di "Dopo di te" - Jojo Moyes

Book Challenge iRead 2017: 1/40 – “L'ultimo libro che vorresti leggere della tua To Read List”
InkBooks Reading Challenge 2017: 1/50 – “Un romanzo rosa”
Il primo romanzo del 2017 è l'ultimo libro che pensavo di leggere. Non amo i seguiti neanche al cinema, cos'altro c'era bisogno di aggiungere alla storia di Io prima di te? Eppure l'ho inserito nella mia wish list di anobii, più per un bizzarro desiderio di chiudere il cerchio che per altro.
E mi sono dovuta ricredere: è stato bello ritrovare Louisa Lou Clark.
Lou alle prese con la figlia mai-vista-e-conosciuta di Will.
Lou alle prese con un nuovo amore, il paramedico Sam.
Lou alle prese con un lavoro in un bar deprimente.
Nonostante sia piuttosto improbabile che nella vita di qualcuno piombi così, all'improvviso – tanto da far cadere te, dal cielo – la figlia adolescente e problematica del tuo ex morto e sepolto. E sia piuttosto improbabile anche iniziare una storia proprio con chi ti ha salvata, quando sei caduta, senza neanche troppi danni, dall'ultimo piano di un palazzo. E ancora più improbabile, sopratutto in questi tempi di crisi, di riuscire a piegare il tuo capo e le sue logiche di marketing aziendale e, riuscire ad ottenere anche una promozione. Ecco, nonostante questo, ci si immedesima nella storia di Lou Clark, nei suoi pensieri, nelle sue paure, nelle sue emozioni. “Qualche volta penso alla vita delle persone che mi circondano e mi chiedo se siamo tutti destinati a lasciare una scia di danni dietro di noi. Non sono solo mamma e papà a incasinarti la vita.”
Quasi le vuoi bene ad un personaggio così, una Wonder Woman con le calze da ape che non sa di essere forte e proprio per questo ti piace, perché si vede imperfetta, insicura, nonostante sappia tirar fuori delle battute dissacranti nei momenti più impensati.
I link per partecipare alle sfide letterarie: Inkbooks - IRead la Tana del Lettore